Ortodonzia

Informazioni:
L’ortodonzia è una branca specifica dell’odontoiatria che mira a risolvere i problemi legati alle malposizioni dentali e alle disarmonie ossee del distretto oro-facciale. L’ortodonzia, attraverso il riallineamento dei denti produce miglioramenti nell’estetica del sorriso, migliora la qualità dell’occlusione e pertanto la funzionalità anche delle altre parti del sistema masticatorio (articolazione Temporo-Mandibolare e muscoli masticatori). Si avvale di procedure preventive, intercettive e correttive che, grazie all’utilizzo di dispositivi funzionali o meccanici (detti comunemente “apparecchi”), hanno il fine di stabilire normali relazioni anatomiche e funzionali dei denti e delle loro basi ossee.
Ortodonzia: cura della malocclusione
Le malocclusioni sono prodotte da anomalie della posizione e dello sviluppo dei denti (disallineamento dentale) e da alterazioni costituzionali delle ossa mascellari e mandibolari.Obiettivo dell’ortodonzia é trattare e correggere tali anomalie che possono avere ripercussioni importanti sia a livello funzionale che estetico, inducendo disturbi a carico della muscolatura masticatoria e delle articolazioni temporo-mandibolari.Le malocclusioni dentali inoltre (anche in situazioni di compromissione non grave), provocano significative alterazioni dell’equilibrio fra struttura dentale, strutture ossee, muscolari e tendinee ad essa collegata e sistema neuromuscolare e osteoarticolare. Ciò significa che le patologie occlusali potrebbero agire negativamente a livello della colonna vertebrale e a livello cranico, provocando cefalee, squilibri posturali, algie cervicali e vertebrali, disturbi della vista e dell’udito. L’ortodonzia moderna non si limita dunque al corretto allineamento dei denti ma promuove il raggiungimento di un equilibrio ottimale fra efficienza della masticazione, salute dentale, estetica del sorriso e benessere complessivo del paziente.
Ortodonzia: prevenzione e trattamento
É possibile distinguere tre differenti fasi temporali per il trattamento ortodontico.
Fase pre-adolescenziale: i piccoli pazienti presentano la dentizione decidua (denti da latte) e l’intero complesso maxillo-facciale in via di sviluppo. La terapia ortodontica, cosidettaintercettiva, mira in questa fase a correggere gli squilibri strutturali in modo da promuovere un armonico sviluppo delle arcate dentarie. É in questa fase che si correggono anche le abitudini viziate quali il succhiamento del pollice o del ciuccio, l’onicofogia, la deglutizione atipica o la respirazione orale così come le arcate dimensionalmente non coordinate (morsi incrociati, morso aperto anteriore, morso profondo).Fase adolescenziale: in presenza di una dentatura definitiva e di un completo sviluppo scheletrico (fase corrispondente al picco puberale). La terapia ortodontica mira al raggiungimento di un adeguato equilibrio funzionale coordinato con una ottimale estetica del sorriso. La salute della bocca e la buona occlusione deve essere contestualizzata al paziente e alle sue caratteristiche estetiche. Nei casi di significative disarmonie dentali o scheletriche può essere necessario ricorrere a terapie ortodontiche estrattive o chirurgiche.Paziente adulto la terapia ortodontica è finalizzata a ripristinare un’adeguata estetica del sorriso con una occlusione bilanciata e stabile.La perdita di elementi dentari a causa di estrazioni o riassorbimento dell’osso di sostegno dei denti (malattia parodontale o piorrea), provoca uno spostamento dei denti e un cambiamento dei rapporti di occlusione (malocclusione),  rendendo necessario un intervento ortodontico correttivo.Qualora nell’adulto si presentino squilibri scheletrici importanti, la terapia ortodontica dovrà essere accompagnata da un trattamento micro-chirurgico o chirurgico.
Apparecchi ortodontici
La cura ortodontica é finalizzata al raggiungimento di una nuova posizione dei denti che risponda ad esigenze estetiche e funzionali.L’ortodontista é lo specialista in grado di progettare lo spostamento dei denti a partire da una diagnosi individuale (realizzata mediante valutazione clinica, fotografica e l’ausilio radiografico), in base alla quale viene selezionata la tipologia di apparecchiatura ortodontica adatta a conseguire l’obiettivo preposto.La terapia ortodontica si avvale di diversi dispositivi che, generando forze di trazione/pressione, attuano lo spostamento dei denti.
Apparecchio mobile o rimovibile
Si tratta di apparecchi che il paziente può mettere e togliere in autonomia secondo precise indicazioni terapeutiche. Sono realizzati in resina acrilica e possono incorporare porzioni metalliche (viti e ganci).Questo apparecchio può svolgere molte funzioni come stimolare la crescita mascellare per poter chiudere in modo corretto la bocca.
Apparecchio ortodontico fisso
 Sono costituiti generalmente da attacchi in metallo o ceramica (questi ultimi sono poco visibili), applicati direttamente sugli elementi dentali per mezzo di resina adesiva e collegati fra loro da archi in sottile filo metallico. Questi ultimi vengono sostituiti progressivamente durante la cura dall’ortodontista, esercitano le trazioni necessarie allo spostamento dei denti. Gli apparecchi fissi, vestibolari esterni o linguali interni, possono essere applicati, modellati e rimossi unicamente dall’ortodontista. Questo apparecchio serve per raddrizzare i denti e dare una corretta masticazione.

 
 
Ortodonzia invisibile con allineatori
Gli allineatori sono una serie di mascherine trasparenti che, progressivamente, correggono le mal posizioni dei denti e senza ricorrere ai sistemi tradizionali di ortodonzia, dando così la possibilità a tutti coloro che vorrebbero risolvere un problema estetico con un sistema completamente trasparente. Il trattamento è ideale per chi in età adulta decide di prendersi cura del proprio sorriso.